TS-253A NAS di QNAP diventa mediaplayer – Recensione

I nas o mini-server per come li vogliate chiamare, stanno prendendo sempre più piede nei piccoli uffici e nelle famiglie più i-tech, un pò perché i dati che si accumulano con il tempo sono sempre di maggiori, un pò perché questi dispositivi stanno diventando sempre più intelligenti, ma soprattutto sempre più user-friendly. La QNAP con questo nas e soprattutto con il suo os QTS basato su linux ma vestito di un’interfaccia molto easy tipo tablet/smartphone, cerca di avvicinare quegli utenti che vogliono un vero server sul quale conservare i propri file, e che allo stesso tempo vogliono poterci accedere quando e come meglio preferiscono.

Hardware

Questo TS-253A con 2 bay è disponibile in due versioni, quella con il processore quadcore Intel Celeron N3150 e quella con l’N3160 rispettivamente con 4gb e 8gb di memoria ram , entrambi ddr3l 1600. Nei due alloggiamenti  posti frontalmente è possibile montare sia classici hdd che ssd e configurarli in RAID per una maggior sicurezza, di non perdere i propri file. Sempre davanti vi sono i led regolabili in luminosità, il pulsante di accensione, un pulsante personalizzabile, utilizzato di norma per fare il backup “one touch” delle proprie pendrive ed infine una porta usb 3.0. Sul retro invece troviamo 2 porte HDMI che supportano fino al 4k, altre 3 porte usb 3.0, 2 gigabit ethernet che hanno la possibilità di raddoppiare la banda di trasferimento fino a 200mb/s se collegate entrambe al router, un porta aux da 3.5mm per collegare delle cuffie o un impianto audio e 2 ingressi da 6.3mm per microfoni.

nas-fronte-retro

Software

Qui abbiamo 3 anime in un solo corpo, il perché è facile da spiegare ed è il seguente: QNAP sta ottimizzando il suo os QTS in base al dispositivo con il quale si utilizza il NAS. Un’interfaccia da media player così da poter visualizzare i propri file, le foto ed i video direttamente sulla tv utilizzando il telecomando in dotazione, qui avremo poche impostazioni da poter modificare ed un elenco limitato di applicazioni ma che ci danno la possibilità di fare tutto quello che vogliamo, come una vera smart tv. C’è da dire che per la prima configurazione avremo la necessità di collegare un mouse ed una tastiera, oppure di effettuare le prime impostazioni in remoto da un altro pc tramite l’interfaccia web di QNAP. Piccola mancanza qui è l’assenza di Kodi, il re dei player multimediali che su altri dispositivi di famiglia non manca. Inizialmente cercando in rete ho pensato che si dovesse installare manualmente visto che non era compreso nella lista di tutte le applicazioni, ma poi ho capito che su questo dispositivo non è ancora disponibile una versione del famoso player. 

qts-mediaplayer

Cliccando sull’icona QTS le potenzialità di questo mini-server si espandono e si passa alla seconda interfaccia, quella più desktop, quella con moltissime impostazioni da poter personalizzare, dove poter usare il nas come un cloud personale, come station per il download di file torrent, come dvr per salvare le riprese delle proprie videocamere e molte molte altre cose, davvero c’è da perdersi, si possono creare utenti diversi con permessi diversi, ed ognuno potrà avere il suo spazio e le sue applicazioni, perchè qui è compreso un app center dove poter scegliere l’app che più vi interessa ed installarla con pochi click, proprio come lo si fa su uno smartphone. Molte di queste funzioni possono essere controllate anche con i dispositivi mobili, scaricando le app correlate di QNAP, e tramite dns o ip pubblico, collegarsi da qualsiasi posto mentre il NAS lavora in tutta tranquillità a casa o in ufficio.

storagereview-qnap-qts-4_2

Qui non molto nascosta c’è la possibilità di trasformare questo NAS in un PC desktop, che chiamarlo di fortuna, vorrebbe dire sminuire le sue capacità. Infatti tramite la Linux Station è possibile scaricare ed installare in modo del tutto automatico una versione di Ubuntu ottimizzata per l’hardware in questione. Successivamente nelle impostazioni si potrà selezionare se far partire il NAS sempre con QTS o direttamente con Ubuntu. Qui c’è da dire che siamo davanti ad un os completamente libero, ma dove non tutto è possibile perché QNAP lo ha limitato per non causare problemi, con il rischio di perdere i dati salvati col tempo. Una cosa che mi ha lasciato senza parole è la presenza di Kodi preinstallato, perché qui si e su QTS no? Qui avremo bisogno per forza di mouse e tastiera e mettere da parte il telecomando, quindi le funzioni media player vengono messe da parte per un uso più classico da pc. Con openoffice preinstallato e con tutta la suite di applicazioni scaricabili si potrà davvero utilizzare con molta comodità anche da divano oppure in remoto.

qlinux

Concludendo…

Su amazon lo possiamo trovare ad un prezzo di 375€ nel formato con 4gb di ram e senza hdd, pensando alle possibilità di questo NAS e che può essere usato anche come un mini pc desktop, il prezzo è davvero competitivo. Come NAS e mini pc è davvero un ottimo dispositivo, mentre sul lato media player QNAP deve ancora ottimizzare al 100% le proprie app che pur funzionando benissimo restano molto legate al lato desktop.

comprami-qnap-ts253a

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Angelo

    Salve. Complimenti per la recensione. Ho due domande da porle.
    1 la usb 3.0 che possiede il nas, collegando la usb ad un PC, viene riconosciuto come hard disk oppure la condivisione è solo tramite cavo ethernet?

    2 comprando il modello inferiore, il qnap 251 posso ottenere le stesse prestazioni? Il 4k a me non serve. Solo full HD 1920×1080

    Grazie

    • Angelo

      Ultima domanda. Per una visione in streaming in HD con il programma kodi, quanta banda è necessaria per avere un video che non rallenti e che sia fluido?
      La 20 mega è sufficiente?